Nelle descrizioni dei più importanti esempi di Industry 4.0, spesso si enfatizza il valore degli applicativi che sfruttano l’Intelligenza Artificiale. E sappiamo molto bene anche del ruolo determinante dei dispositivi IoT e dei sensori che automatizzano le macchine per la produzione.

Ma i buoni esempi di Industry 4.0 non possono prescindere dalla progettazione di una rete efficiente e sicura. Oggi più che mai la rete è la maggiore responsabile del funzionamento di un progetto di automazione industriale. Perché dalla rete devono passare le informazioni, in sicurezza e senza intoppi. Dato che non puoi spiegare a una macchina perché non è arrivato in tempo quel dato che le permette di proseguire l’attività.

Questa è la storia di un buon esempio di Industry 4.0 che coinvolge una consolidata eccellenza del Made in Italy. Parliamo del Gruppo Sofidel, leader mondiale nella produzione di carta per uso igienico e domestico (tra i marchi proprietari c’è Regina). Ma anche di un’altra eccellenza Made in Italy: l’HPE Solution Partner TT Tecnosistemi. Il tutto nel cuore di un progetto di eccellenza tecnologica al servizio del territorio come Hpe Innovation Lab next.

Eccellenze del Made in Italy per esempi di Industry 4.0 internazionale

Eccellenze del Made in Italy perché l’esempio di Industry 4.0 di cui parliamo riguarda la costruzione di una rete mista, ethernet e wireless, nel nuovo stabilimento Sofidel di Circleville (Ohio, USA). E ciò è stato possibile grazie a un partner italiano.

“sofidel poteva scegliere un partner statunitense, ma ha preferito tt tecnosistemi che in passato ha dimostrato di soddisfare gli alti standard di qualità che richiede una multinazionale”. (Gabriele Tani, Senior Sales Executive di TT Tecnosistemi Spa)

Il buon esempio di Industry 4.0 realizzato da TT Tecnosistemi per Sofidel parte da un modello teorico di un sistema di controllo distribuito di nuova generazione per regolare algoritmi, protocolli e processi. E, evidentemente, il puntale interscambio di informazioni tra dispositivi e macchine non poteva prescindere da una struttura di rete progettata opportunamente.

Un’infrastruttura di networking HPE e Aruba ridondata su due data center

Già cliente soddisfatto di HPE e di TT Tecnosistemi, il team di Sofidel, capitanato dal corporate automation manager Fabrizio Lapucci, non ha avuto dubbi e per Circleville ha confermato l’accoppiata.

L’architettura It è stata fisicamente allocata su due data center interni alla fabbrica, in modo da garantire l’opportuna Business Continuity e il piano di Disaster Recovery. Su questi si è provveduto a installare in ridondanza un corposo set di hardware per il networking firmato HPE.

LEGGI ANCHE: SOFTWARE DEFINED DATA CENTER, COS’E’ E COME FUNZIONA

Dai server HPE Proliant DL380 Gen10 ai kit di memoria. Dagli switch HPE FlexFabric e Aruba 5406 e 2530 agli Access Point capaci di 200 accessi simultanei. Dalle antenne ai dispositivi di alimentazione. TT Tecnosistemi ha elaborato una lista infinita di prodotti da installare, testare e trasferire in produzione in un sito all’estero.

TT Tecnosistemi ha concluso il progetto in meno di due mesi dall’avvio, fornendo la necessaria componente consulenziale e di progetto in tutti gli step. “Poiché in Sofidel l’efficienza degli apparati produttivi dipende fortemente dalla qualità del network – prosegue Tani -, era fondamentale progettare con cura la struttura per garantire il massimo livello di efficienza”.

Il valore del partner TT Tecnosistemi: progettazione e fine tuning

Il supporto di TT Tecnosistemi, oltre alla progettazione, l’installazione e il testing sul campo dell’infrastruttura, ha previsto anche il fine tuning dei supporti applicativi. Già, perché la personalizzazione degli strumenti di gestione di rete e storage diventa elemento determinante in ottica ROI. Grazie ai tool di gestione forniti da HPE, infatti, la manutenzione e il controllo della rete sono automatizzati. E ciò permette di sgravare il team It interno da elaborazioni e monitoraggi lunghi e ripetitivi.

I risultati non si sono fatti attendere. Il sistema di trasferimento automatico delle bobine di carta fra la fase di cartiera e quella di converting, grazie ai veicoli a guida laser LGV, si è dimostrato efficiente e ottimizzato. Inoltre, la completa automazione della gestione di oltre 50mila pallet di merce, ha permesso di risparmiare fino al 40% dello spazio.

Il progetto TT Tecnosistemi per Sofidel entra a buon diritto tra i casi di eccellenza promossi da HPE all’interno del programma #HPEInnolab, scoprili tutti a questo link.

Esempi di Industry 4.0: il ruolo fondamentale di una rete efficiente ultima modifica: 2020-02-23T17:32:47+00:00 da Valerio Mariani

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here