Microsoft 365 Academy, il cloud e un progetto che più concreto non si può. Ci sono le soluzioni, le piattaforme più diffuse sul mercato, ci sono i massimi esperti italiani di cloud computing e trasformazione digitale, ci sono i premi, le cene stellate e ci sono soprattutto i system integrator premiati, mensilmente, sulla base oggettiva delle loro performance proprio su Microsoft 365. Ci sono insomma tutti gli ingredienti per costruire un vero e tangibile ecosistema di valore intorno alle PMI che stanno affrontando il percorso in direzione della trasformazione digitale.

Un percorso che ha tappe ben scandite e che, mensilmente chiama raccolta i migliori reseller e system integrator italiani. Qui tutti i dettagli per non perdere la prossima, attesissima,  tappa del 16 aprile sempre a Milano, sempre all’interno della Microsoft House, sempre ricca di sorprese e focalizzata sulla gestione centralizzata dei dispositivi tramite Microsoft 365.

Microsoft 365 Academy, il caso Pipeline

Un percorso fatto di informazioni critiche, processi chiave che diventano digitali, nuovi strumenti di collaborazione e smartphone, notebook, workstation da monitorare, gestire, sempre comunque. Un percorso lungo il quale, dopo il record di gennaio di Si-Net, premiato come primo partner su Micrososft 365 nel primo mese dell’anno, questa volta ha visto emergere il caso di Pipeline, system integratorche a febbraio 2019 si è distinto come il top partner di Microsoft proprio sulla sua piattaforma di produttività in cloud. Un system integrator con una storia di quasi 30 anni alle spalle ma con la capacità di cambiare rapidamente pelle, nel tempo, fino a diventare oggi eccellenza proprio nella costruzione di valore grazie ai servizi cloud. Una capacità di evolversi e di trasformarsi su cui i manager di Microsoft, su tutti Ilaria Moroni, Territory Channel Manager di Microsoft Italia,cuore e motore del progetto Microsoft 365 Academy, si sono non a caso soffermati più volte nel corso dell’evento delle scorse settimane.

«Questo premio – racconta in esclusiva e con emozione Giuseppe Nocita, Ceo di Pipeline dopo aver ricevuto il premio del mese– è una bellissima possibilità di motivare le mie persone, si tratta di un riconoscimento che ci consente di dire alle persone, al nostro team che stiamo lavorando bene e che Microsoft ci riconosce come interlocutore di valore. Si tratta per altro di un premio oggettivo, non ci sono elementi soggettivi, viene riconosciuta la capacità di portare sul mercato cloud e ne viene misurata l’efficacia».

Microsoft 365 e le PMI, un’esigenza forte ma, spesso, non esplicita

L’incontro con Nocita e con la “sua” Pipeline, come sempre, diventa anche l’occasione ghiotta per capire come e che tipo di cloud stanno cercando le PMI italine. «In realtà – spiega il manager – spesso si tratta di esigenze fortissime che le PMI non razionalizzano o non sanno chiaramente di avere.Microsoft 365 è in questo senso dirompente perché si tratta di una risposta semplice pratica e comprensibile/concreta ad un bisogno che non sempre il cliente sa di avere ma che è decisivo. Si parla del bisogno di automazione di un processo critico, del bisogno di integrazione delle informazioni, della vera sicurezza del dato… In quasi 30 anni di storia penso a tutte le volte in cui un cliente, un manager mi hanno chiamato, anche dopo cena, per capire come gestire una grave perdita di  dati, come gestire un dipendente dimissionario che si è portato via il patrimonio informativo o ha fatto inavvertitamente dei danni gravi con la posta elettronica… Con gli strumenti che adesso abbiamo grazie alle integrazioni di Microsoft 365 la risposta è più precisa e immediata che mai. Il manager e, nel caso soprattutto delle PMI, l’imprenditore adesso sanno sempre dove sono i loro dati come, quanto e perché vengono utilizzati. Ecco dunque che uno smartphone, un notebook magari rubati in autogrill non sono più una tragedia ma un qualcosa che capita e di fronte al quale si riprende a lavorare senza soluzione di continuità. Parlare di cloud con le PMI italiane vuol dire soprattutto essere immediati e andare in direzione di casi reali, concreti e quotidiani come questi. La forza di Microsoft 365 sta tutta nel semplificare tutto e nel risolvere queste situazioni in maniera immediata»

Advertisements
ChannelWatch 2019

Microsoft 365 Academy, il prossimo appuntamento il 16 aprile

La Microsoft 365 Academy come detto non di ferma, uno dei progetti più importanti e strategici per la multinazionale americana entra infatti nel pieno del suo sviluppo. La prossima tappa è prevista per il 16 aprile sempre presso la Microsoft House. Il focus della giornata sarà la gestione unificata dei dispositivi con Microsoft 365

«Durante la giornata – racconta Michele Sensalari, consulente e trainer per una società come Overnet e che, oggi, è uno dei massimi esperti di cloud computing e mondo Microsoft. Proprio Sensalari è uno degli speaker protagonisti di tutti gli appuntamenti con la Microsoft 365 Academy -. Approfondiremo i seguenti argomenti – spiega Sensalari -: la piattaforma Intune e la possibilità di fornire strumenti per la gestione di dispositivi ovunque si trovino; la gestione e distribuzione di dispositivi Windows 10, IOS e Android; le differenze tra Android e Android for Works;laconfigurazione di dispositivi Windows 10, IOS e Android;la gestione della compliance dei dispositivi; la sicurezze delle applicazioni con Mobile Application Management; la gestione della sicurezza dei dispositivi con Windows Defender AT».

Per prenotare il proprio posto in prima fila alla Microsoft House, qui tutti i dettagli

 

 

Microsoft 365 Academy, il caso Pipeline «Security e cloud, così abbiamo conquistato le PMI» ultima modifica: 2019-03-31T19:38:03+00:00 da Marco Lorusso

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here