Intel e i problemi di produzione di CPU e processori. Un tema caldissimo (qui tutti i dettagli sui ritardi e la difficoltà di Intel nel rispondere alla domanda di processori sul mercato) che sta agitando e non poco tutto l’ecosistema dei system integrator e reseller che ruota intorno alla mega multinazionale dei chip e, soprattutto, il mercato dei PC. Un mercato dato in incredibile crescita proprio nei mesi scorsi e che ora rischia di subire uno stop a causa della scarsità di processori a 14 nanometri.

Intel e i problemi di produzione di CPU, riorganizzazione completa

A quanto pare, dopo la decisione di potenziare la produzione e di investire oltre 1 miliardo di dollari per correre ai ripari dopo anche i gravi ritardi nella progettazione dei chip a 10 nanometri (originariamente previsto per il 2015 e che ora non entrerà produzione di massa fino al prossimo anno), Intel sarebbe sul punto di una clamorosa riorganizzazione. Secondo quanto raccolto da CRN America e da fonti informate dell’Oregonian (testate solitamente aggiornatissime) Intel starebbe riorganizzando il suo Gruppo Tecnologico e di Produzione in tre unità. Il tutto sulla scia della decisione di andare in pensione di uno dei massimi dirigenti della divisione.

Intel e i problemi di produzione di CPU, tre nuove aree di sviluppo

Nel memorandum di riorganizzazione, che è stato ottenuto da CRN Mercoledì, Murthy Renduchintala, chief engineering officer di Intel, ha scritto ai dipendenti che Sohail Ahmed, senior vicepresident e direttore generale del Technology and Manufacturing Group, lo ha informato dei suoi piani di andare in pensione il prossimo mese.

Con il pensionamento di Ahmed, Renduchintala ha dichiarato che sta ristrutturando il Gruppo Tecnologia e Produzione in tre gruppi:

  • Lo sviluppo tecnologico, guidato dal CTO di Intel Mike Mayberry;
  • Produzione e operazioni, guidate da Ann Kelleher;
  • Supply chain globale, guidata da Randhir Thakur.Renduchintala, che è stato citato come contendente per la carica di prossimo CEO di Intel, ha dichiarato che la società sta facendo “buoni progressi” sulle sue CPU a 10 nm e rimane in programma per i piani annunciati da Intel di raggiungere la produzione di massa per la stagione 2019.

    «Dobbiamo evolvere continuamente la nostra organizzazione per supportare la nostra crescita e alimentarla con un più ampio insieme di tecnologie IP avanzate, architetture e packaging. Il tutto richiederà una concentrazione e una velocità maggiori per adattarsi in modo appropriato a ciascuna delle nostre aree di focus principali”, ha affermato.

    Il nuovo gruppo di sviluppo tecnologico si concentrerà sullo sviluppo di tecnologie di ricerca, transistor e packaging mentre la produzione e le operazioni ospiteranno la parte di assemblaggio e test di Intel. Il gruppo della supply chain globale si concentrerà sull’offerta di capitale e materiali, sugli approvvigionamenti aziendali e sulla produzione esterna.

    Nel principale gruppo di sviluppo tecnologico di Intel, Mayberry si è dimessa dal suo ruolo di leader di Intel Labs, che sarà guidata nel frattempo dal dirigente di Intel Rich Uhlig mentre la società cerca un successore permanente, ha aggiunto Renduchintala.

Intel e i problemi di fornitura di CPU, via alla riorganizzazione del ciclo produttivo ultima modifica: 2018-10-18T07:47:48+00:00 da Marco Lorusso

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here