Microsoft cloud, ecco un investimento da 40 milioni di euro per i partner in Italia. Una scommessa “pesante” come si suol dire ma anche, in qualche modo, normale, annunciata , perfettamente in linea con quella “Cloud company” che da tempo Satya Nadella (nella foto) ha nella mente e nelle mani. Una cloud comany che ha deciso di affidare gran parte del suo destino, tra le nuvole, proprio a quell’incredibile crogiuolo di imprenditori, aziende, consulenti, idee e innovazione di ogni forma e dimensione che è il canale indiretto.

Un mondo fatto di system integrator, distributori informatica, reseller, isv, software house… che da sempre determinano una fetta importantissima del fatturato del colosso dei Redmond (a livello globale, per ogni Dollaro fatturato da Microsoft l’ecosistema di Partner genera 9,64 Dollari (fonte IDC 2018)) e che, da tempo, per cogliere al meglio la sfida del cloud, di Office 365, di Azure… sono chiamati ad un cambio di passo strategico senza precedenti.

Microsoft Cloud, tutti i numeri

Non potrebbe essere altrimenti visti i numeri, proprio del cloud, nel mondo e anche in Italia. Nel nostro Paese, fa sapere Microsoft, il Cloud Computing di Microsoft cresce del 70% anno su anno proprio grazie all’ecosistema di Partner, che, spiega con decisione Fabio Santini, Direttore della nuova Divisione Partner e Pmi di Microsoft Italia, «gioca un ruolo chiave nella strategia volta a promuovere la trasformazione digitale dell’intero Paese».

«Non sono solo annunci – spiega il giovane manager da poco giunto alla guida del canale di Microsoft – l’ecosistema dei Partner contribuisce al 95% del fatturato business di Microsoft. È proprio grazie alla capillarità e all’expertise qualificata dei Partner, che il Cloud Computing di Microsoft è cresciuto cosi tanto in Italia, abilitando molteplici progetti d’innovazione presso organizzazioni di qualsiasi settore e dimensione: più di 3000 aziende ogni mese – per il 95% PMI – scelgono il Cloud di Microsoft».

Ma chi sono i partner di Microsoft tra le nuvole?

«Si tratta – spiega Santini . di un ecosistema di Partner eterogeneo e aperto, ove distributori informatica, rivenditori, System Integrator, Licensing Solutions Partners, Telco e ISV giocano un ruolo fondamentale nell’offrire consulenza e soluzioni ad hoc per accompagnare le aziende italiane nel proprio percorso di trasformazione digitale. Questa pluralità e capillarità rappresenta un elemento chiave all’interno della strategia Microsoft, che negli anni ha perfezionato un modello Partner-driven a supporto della loro crescita e che punta costantemente sulla loro formazione: qualsiasi realtà ICT italiana può beneficiare degli investimenti, della tecnologia e dei programmi di supporto Microsoft, cogliendo le opportunità di un mercato Cloud in crescita, che nel 2017 ha sfiorato i 2 miliardi di Euro».

Microsoft lancia il Cloud Enablement Desk

Venendo al dettaglio degli investimenti e degli obiettivi annunciati, Microsoft ha lanciato una nuova iniziativa a supporto del business dei Partner, il Cloud Enablement Desk.

Cloud Enablement Desk, spiegano gli uomini della società, è una piattaforma che rappresenta una sorta di concierge intelligente in cui i Partner possono trovare informazioni utili e guideline per eccellere nel business. Un percorso di 6 mesi affiancati da uno specialista alla scoperta di modelli e standard da raggiungere, durante il quale vengono offerti piani di formazione personalizzati e supporto marketing per accompagnare gli operatori della filiera ICT nel proprio percorso di crescita. «Non solo – spiegano da Microsoft Italia -, oltre alla possibilità di accedere facilmente alle tecnologie, alle risorse e ai programmi per il canale, Microsoft aiuta i propri Partner a differenziarsi e ad essere più efficaci dal punto di vista commerciale. In questa logica Microsoft agevola costantemente l’incontro tra la domanda e l’offerta e segnala i Partner più meritevoli e accreditati per diversi tipi di competenze, in modo che le aziende desiderose di intraprendere un percorso d’innovazione possano individuare più facilmente il proprio partner ideale».

Microsoft, il cloud e i partner, ecco margini e opportunità

L’entusiasmo di Santini nel raccontare simili novità è contagioso e, come in parte anticipato, non potrebbe essere altrimenti. Come detto, per ogni Dollaro fatturato da Microsoft l’ecosistema di Partner genera 9,64 Dollari e i Partner di Microsoft ottengono il 19% di margini in più rispetto ai competitor (AMI2016). Inoltre, stando alle rilevazioni della multinazionale, i Partner Microsoft si rivelano più attivi sul Cloud Computing: «in Italia i Partner che scelgono soluzioni Cloud di Microsoft sono cresciuti del 35% nell’ultimo anno e rappresentano più del 50% del totale dei partner Microsoft».

Microsoft, il cloud e i partner, ecco la formula

Sono tanti i mega vendor internazionali che stanno cercando di costruire un ecosistema di vendita efficace e soprattutto remunerativo sul cloud, ma quale è il “segreto” che ha permesso a Microsoft di raccogliere queste risultati? «Microsoft – spiega Santini – fa leva su un modello partner-driven basato sul programma Cloud Solution Provider e oltre a poter usufruire degli investimenti in formazione e supporto di business, il vantaggio di lavorare con Microsoft è anche quello da una parte, di poter beneficiare dell’investimento annuo di10 Miliardi di Dollari in R&D per stare al passo con i trend emergenti e dall’altra, di poter fare affidamento sulla più completa e aperta piattaforma Cloud, che spazia da soluzioni infrastrutturali e applicative a sistemi per la produttività, gestionali e CRM».

Microsoft 365, Office 365, Windows 10, i vantaggi per i partner

Al centro dell’attenzione dei partner c’è dunque, come normale, tutto il mondo che ruota intorno a Microsoft 365, brand che ha impreso una pesante accelerazione proprio nel mondo cloud italiano, dopo il suo arrivo. Stando agli annunci della società, la nuova piattaforma Microsoft 365 – che integra Office 365, Windows 10 ed Enterprise Mobility and Security (EMS) – offre ora nuove e interessanti opportunità di crescita: la versione pensata per le grandi aziende Microsoft 365 Enterprise e la versione pensata per le PMI Microsoft 365 Business incrementano i margini medi dei Partner rispettivamente del 35% e del 20% in tre anni (Forrester Consulting). I Partner potranno attingere alle risorse sul Microsoft 365 partner site per proporre una piattaforma integrata che spazia dalla produttività, alla collaborazione, alla gestione dei device e alla sicurezza, supportando le aziende nel proprio percorso verso la trasformazione digitale e verso un modern workplace.

«La trasformazione digitale dell’Italia passa attraverso le aziende ICT italiane e dal momento che siamo il terzo ecosistema ICT in Europa sono evidenti le opportunità di competitività per il Paese. Affinché gli operatori della filiera ICT possano effettivamente guidare le aziende nel proprio percorso d’innovazione, occorre però puntare sulla loro formazione e sulla loro efficacia di business in risposta ai trend del mercato. Nel 2017 Microsoft ha investito 25 Milioni di Euro a supporto del canale italiano, ma nel 2018 intendiamo andar oltre, dedicando 40 Milioni di Euro a incentivi, training, supporto tecnico e supporto di business, con un particolare focus sul Cloud Computing.

Il mercato si sta muovendo verso questa direzione, ecco allora che diventa prioritario formare professionisti qualificati, in grado di offrire competenze ad hoc per guidare le realtà italiane nella propria evoluzione, facendo leva sul Cloud, su Big Data, IoT, Artificial Intelligence, con un occhio sempre attento ai risvolti della Cybersecurity. Non solo, attraverso il nostro programma Cloud Solution Provider, aiutiamo i Partner ad andare oltre la vendita per assumere un ruolo più attivo nei progetti d’innovazione delle aziende e divenire veri e propri partner di business, potendo offrire soluzioni in bundle e servizi aggiuntivi, senza dover affrontare eccessivi investimenti iniziali. Il successo di questo modello accessibile e senza barriere all’ingresso è testimoniato dall’incremento dei Partner che su scala globale entrano a farne parte: +83% dei Partner a livello globale, +200% a livello italiano anno su anno. Non esiste miglior momento per diventare Partner Microsoft» ha concluso Santini

 

 

 

Microsoft investe 40 milioni di euro per i partner in Italia, Santini “Noi unici grazie a distributori, system integrator, Isv, Telco” ultima modifica: 2018-03-11T17:55:04+00:00 da Marco Lorusso

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here