Modern Workplace cos’è e perché conviene… a tutti. C’è il mobile, c’è il cloud compunting, ci sono i servizi gestiti, c’è la sicurezza, c’è la possibilità di affidare l’intera gestione di device, stampanti e dell’intera infrastruttura IT a professionisti, esperti come ACS Data Systems con anni, km e storie di eccellenza alle proprie spalle in tema di trasformazione digitale e in particolare del Modern Workplace (postazione di lavoro gestita) e del Digital Workspace (la versione digitale del desktop personale, accessibile da remoto con qualsiasi dispositivo). Leggi qui l’intervista esclusiva per approfondire su questo tema).

In questa piccola guida però, l’obiettivo è soffermarsi soprattutto sul concetto di Modern Workplace data anche l’ampiezza dei temi sul tavolo, tutti ugualmenti critici e attuali per ogni forma e dimensione di impresa anche e soprattutto in Italia.

[Vuoi sapere Moder Workplace cos’è, come funziona, gli errori da evitare e le cose da fare subito? Collegati qui al webcast esclusivo, una guida completa per cogliere opportunità, evitare errori e scoprire il valore dei servizi gestiti ACS]

Un tema che, oggi più che mai, è al centro dell’attenzione di manager e interi reparti IT con l’arrivo della fine supporto per Windows 7 (qui la guida completa per sapere cosa è Windows 7 fine supporto e cosa fare). Uno dei sistemi operativi più diffusi al mondo sta per uscire (14 gennaio) dal supporto ufficiale di Microsoft e, dopo 10 anni di onorata carriera, si prepara a lasciare definitivamente il passo a Windows 10. Non un passaggio come gli altri perché, dopo 10 anni, migliaia di imprese si trovano ora davanti alla possibilità di andare oltre la semplice migrazione “sposando” le infinite opportunità che piattaforme come Microsoft 365 e il cloud computing offrono. Possibilità, ma anche rischi nel momento in cui simili innovazioni vengono ignorate, o peggio, gestite con scarse competenze/attenzione. Da una parte infatti c’è il primo rischio di mancare l’appuntamento con il treno che potrebbe permetterci di diventare più veloci, flessibili, competitivi… dall’altra c’è anche il rischio, ancora più grande, di fughe in avanti senza strumenti e, soprattutto partner adeguati. Ci sono tante, ed enormi, opportunità sotto il cielo insomma ma anche tanta inevitabile confusione. Ecco perché oggi più che mai vale la pena di fare il punto e, con ordine, in compagnia di ACS Data Systems e di un brand innovativo come HPE (le due società sono, non a caso, unite dalla preziosa collaborazione nell’ambito del progetto HPE Innovation Lab next, qui tutti i dettagli)

Modern workplace cos’è

Intanto una definizione di massima. Il Modern workplace è il concetto secondo cui le aziende dovrebbero utilizzare la trasformazione digitale (DX) per allineare tecnologia, dipendenti e processi aziendali per migliorare l’efficienza operativa e raggiungere gli obiettivi organizzativi. Un termine generico ma che parla di una vera rivoluzione nel modo di concepire la postazione di lavoro includendo dispositivi, software e piattaforme che i membri dello staff utilizzano per eseguire il proprio lavoro. Un concetto dunque, un pensiero, un disegno che nasce però come diretta conseguenza di un cambiamento dirompente nel modo di comunicare, lavorare, collaborare di milioni di manager, dipendenti, professionisti, privati. La rivoluzione digitale, il mobile, il cloud computing hanno infatti, da tempo, abbattuto il confine tra dimensione personale e professionale unendo, all’interno di device come gli smartphone, infinite possibilità di condividere, gestire, generare simultaneamente comunicazioni, documenti, dati di uso privato, professionale… Una flessibilità infinita e ancora parzialmente inesplorata che ci offre oggi la possibilità dunque di lavorare, potenzialmente, a qualsiasi latitudine e in qualsiasi momento, a prescindere da spazio, tempo…

Cosa è uno switch

Non a caso i servizi cloud, l’intelligenza mobile e artificiale sono gli elementi chiave del modern workplace che hanno cambiato radicalmente la tradizionale postazione di lavoro e il modo di lavorare. Tali tecnologie possono rimuovere le barriere geografiche a livello di collaborazione, processi e garantire che le informazioni aziendali siano disponibili in remoto 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Ecco che, dunque, gli obiettivi comuni nel modern workplace includono l’uso della tecnologia per migliorare la collaborazione, l’impegno dei dipendenti, la produttività, la gestione dei contenuti e i processi aziendali nell’ambito di un simile scenario.

L’esplosione del mobile a livello aziendale e di concetti come Bring Your Own Device porteranno il Modern Workplace ad evolvere continuamente in questi anni. Un’accelerazione che sarà dettata anche e soprattutto dal turnover generazionale.

Esempi di progetti Modern Workplace

Il Modern workplace esiste già oggi in uno spettro molto ampio di progetti di trasformazione digitale e può includere iniziative come:

– Implementazione di un ufficio senza carta, incentrato sulla sostituzione dei processi cartacei con flussi di lavoro digitali.
– Strumenti di informazione efficienti, come la condivisione di file tramite cloud e archivi elettronici.
– Sviluppo di innovativi software di gestione capaci di sostituire il processo di archiviazione fisica di report, dati critici…
– Sistemi di gestione, prenotazione sala conferenze o videoconferenza
– Calendari online che possono essere sincronizzati con più account o piattaforme.
– Funzionalità Single Sign-On (SSO)
– Strumenti di collaborazione per team digitali, come la messaggistica istantanea.

Vantaggi del Modern workplace

Il passaggio al Modern workplace offre numerosi vantaggi a partire da un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata per i dipendenti che possono lavorare in remoto. Ad esempio, un ufficio di ispezione ambientale potrebbe sostituire i report cartacei con applicazioni che consentono agli ispettori di produrre e archiviare report in remoto con dispositivi mobili. Ciò elimina la gestione fisica del rapporto e consente all’ufficio di visualizzare potenzialmente i dati in tempo reale e rispondere mentre l’ispettore è ancora sul posto.

Le iniziative di modern workplace possono anche favorire gli sforzi di business intelligence, poiché la maggior parte dei processi digitali crea automaticamente una registrazione delle attività che può essere inserita nei modelli di visualizzazione e analisi dei dati per aiutare a misurare l’efficacia delle operazioni. L’obiettivo finale è quello di prendere decisioni migliori in meno tempo.

I modern workplace consentono inoltre alle aziende di ridimensionare la propria impronta fisica; pertanto, riducendo i costi operativi, in quanto vengono sostituiti processi come l’archiviazione dei documenti e la collaborazione dei dipendenti. Inoltre, i sondaggi più autorevoli hanno dimostrato che i modern workplace più efficaci possono attrarre più talenti, aumentare la produttività individuale e aumentare la fidelizzazione dei dipendenti.

Come implementare un modern workplace, il caso ACS Data Systems

Il primo passo per implementare un ambiente modern workplace è identificare le esigenze tecnologiche dei dipendenti e dell’organizzazione nel suo insieme. La tecnologia è un componente centrale delle iniziative sul modern workplace, ma richiede anche una pianificazione anticipata di come i processi aziendali si tradurranno in digitale implementando software con funzionalità che si adatta al compito da svolgere e un’esperienza utente che i dipendenti sono disposti ad abbracciare come parte della loro giornata lavorativa.

Per accompagnare manager e imprese verso il Modern Workplace ACS Data Systems ha da tempo sviluppato una strategia dedicata che risponde al nome di ACS.Modern Workplace, qui tutti i dettagli. Un insieme di servizi, gestiti, senza precedenti che permettono alle imprese del territorio di delegare le numerose attività che le postazioni di lavoro richiedono e avere tempo da dedicare alle priorità strategiche della propria azienda. Una strategia precisa, dunque, che porta la crescente complessità della postazione di lavoro moderna ad essere gestita da un partner IT “prossimo” sul territorio, solido e di fiducia. Una strategia che, come anticipato, si sta dimostrando il più affidabile degli alleati per le imprese che devono affrontare la fine del supporto a Windows 7, che scatterà il 14 gennaio 2020. Imprese che, proprio grazie ad un simile approccio anticipano e gestiscono l’intero ciclo di vita della postazione di lavoro nel miglior modo possibile e stanno facendo della migrazione a Windows 10 un’occasione unica per trasformare alla radice l’organizzazione del proprio “workplace”. In questa direzione, non a caso, gli esperti di ACS Data Systems in collaborazione con HPE, e nel segno di un progetto come Hpe Innovation Lab next, hanno anche sviluppato un webcast esclusivo, una guida completa per cogliere opportunità, evitare errori e scoprire il valore dei servizi gestiti ACS.

Collegati qui per vedere il webcast gratuito ed esclusivo

 

 

 

Modern Workplace cos’è e perché conviene… a tutti ultima modifica: 2020-01-03T17:36:22+00:00 da Marco Lorusso

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here