Trend Micro Cyber Conference. Due giorni, due città, Milano e Roma, due “tutto esaurito”. Il segreto? Tutto nel tema e in un approccio mai cosi pragmatico, diretto, utile per partner di canale, clienti finali, amministrazioni pubbliche.

Segreto, ovviamente, fino ad un certo punto perché da una parte il focus di Trend Micro sul canale, sui distributori informatica e sui system integrator è storico e dall’altra siamo tutti nel bel mezzo tra la bufera che sta colpendo Facebook, la gestione di dati e privacy, e l’avvento del Gdpr. In un simile contesto, il minimo che possa capitare è che imprese, di ogni forma e dimensione, si preoccupino di capire qualcosa. Il minimo si diceva… poi però c’è il business e c’è un ecosistema di vendita, fatto da system integrator, reseller, sviluppatori, consulenti, distributori a valore… che su questi fenomeni vogliono, possono e devono sviluppare marginalità.

Trend Micro Cyber Conference, serve un cambio di passo

I due giorni della Trend Micro Cyber Conference, appena lasciati alle spalle con un successo clamoroso tra Milano e Roma, sono dunque nati cresciuti e sono andati in scena proprio con questo obiettivo. Disegnare e offrire al pubblico uno scenario, concreto, di quanto sta capitando e di come trasformarlo, subito, in business. «La capacità di cambiare paradigma al giorno d’oggi è essenziale – ha spiegato Gastone Nencini, numero della società in Italia, in apertura di lavori -, per evitare di essere vulnerabili. È questo il messaggio chiave che Trend Micro ha trasmesso nel corso del suo evento più importante dell’anno, la Trend Micro Cyber Conference. Sul palcoscenico si sono alternati nomi noti e aziende importanti come Amazon Web Services, Costa Crociere, Fastweb, Leonardo, Spike Reply, Tim, UBI Banca, VMware, Vodafone e WSI Wholsale Italia. L’obiettivo, raggiunto, è stato quello di dare vita a una community forte e in grado influenzare positivamente i futuri scenari della lotta al cybercrime. Un confronto destinato ad accendersi sempre di più e a coinvolgere un numero sempre maggiore di attori».

I cyber criminali, oggi, sono infatti sempre più abili e competenti, ha infatti spiegato Nencini. Hanno a disposizione un numero maggiore di risorse e sfruttano i punti deboli dei sistemi per escogitare strategie di attacco che non lasciano scampo. Allo stesso tempo, gli ambienti sono sempre più complessi e interconnessi e «parlo chiaramente di tuto il mondo dell’Industrial IOT».

Trend Micro Cyber Conference, basta Ransomware e attenzione all’Industrial IOT

 Ed è proprio su questo tema che si è soffermato con maggiore forza e attenzione l’ospite più atteso delle due giornate, Martin Roesler, Senior Director Threat Research di Trend Micro. L’esperto internazionale ha infatti esortato, fin da subito distributori informatica e system integrator in sala ad andare oltre il solito tema del ransomware (qui la guida per sapere ransomware cosa è e tutti i numeri in Italia). Un tema ancora tremendamente di attualità a che rischia di togliere attenzione a quella che «E’ a tutti gli effetti la più grande rivoluzione in atto a livello di paradigmi di sicurezza». L’internet of things, l’IOT, l’Industrial IOT sono infatti le nuove stelle polari su cui ogni operatori di canale deve oggi volgere la maggior parte delle sue attenzioni se intende sviluppare vero business e, soprattutto, essere supporto di valore per i propri clienti. «I robot – ha spiegato il manager – stanno trasformando le imprese, la supply chain, gli apparati produttivi rendendoli più efficienti, veloci, competitivi… Ma provate a pensare cosa può capitare se un hacker riesce a “bucare” il software che gestisce questi robot, provate a pensare che tipo di danni ne possono derivare a persone, imprese, business… Sensori, software, robot… il perimetro di allarga, perde limiti definiti e giunge a livelli di complessità mai sperimentati. Ecco perché – ha aggiunto Roesler – oggi limitarsi al tema del ransomware rischia di essere molti limitato e poco strategico. In parallelo sta infatti andando in scena una evoluzione con grandissime prospettive ma che espone le imprese a nuovi livelli di rischio che non possiamo in alcun modo sottovalutare. Essere partner di imprese che vanno verso l’industrial IT vuol dire essere in grado di supportarle nelle politiche di patching e protezione di applicativi e infrastrutture»

Advertisements
ChannelWatch 2019

 

 

Trend Micro Cyber Conference: «Basta parlare solo di Ransomware… proteggiamo l’industrial IOT. Rischi e opportunità sono li» ultima modifica: 2018-04-15T16:52:46+00:00 da Marco Lorusso

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here