Microsoft cloud, numeri record e ancora un trimestre a tutta velocità. La trasformazione in cloud company, tanto voluta da Satya Nadella, procede a vele spiegate e si prepara nuovamente a cambiare passo nei prossimi mesi. Una trasformazione che sarà possibile toccare con mano il 3, 4 e 5 dicembre in occasione del più importante evento italiano dedicato proprio alle tecnologie Microsoft, il tanto atteso WPC 2019 (qui comunque tutti i dettagli per la registrazione e la location).

Microsoft tra cloud e numeri record

Ma come sempre andiamo con ordine e guardiamo ai numeri di una azienda che, di fatto, tra innovazioni come Azure, Office 365 e programmi come il CSP, sta consolidando il ruolo di guida nella trasformazione digitale delle imprese e di tutto l’ecosistema che porta innovazione tecnologica sul territorio. System Integrator, Sviluppatori, Distributori Informatica… il canale ICT insomma.

Nel dettaglio, Microsoft, per il suo primo trimestre fiscale del 2020, ha registrato ricavi per 33,1 miliardi di dollari, un utile netto di 10,7 miliardi dollari e un utile per azione di 1,38 dollari (rispetto a ricavi per 29,1 miliardi dollari, un utile netto di 8,8 miliardi di dollari e un utile per azione di 1,14 dollari messi a segno nello stesso periodo del 2019).
Gli analisti, spiegano da Wall Street, si aspettavano che Microsoft guadagnasse 32,2 miliardi di dollari e raccogliesse utili per azione di 1,24 dollari. La società ha quindi superato facilmente le aspettative.
«Le aziende leader mondiali stanno scegliendo il nostro cloud per sviluppare le proprie capacità digitali – ha commentato Satya Nadella, Ceo e guida strategica della società in una nota -. Stiamo accelerando la nostra innovazione nell’intero stack tecnologico per offrire nuovo valore ai clienti e investire in mercati promettenti e con opportunità di espansione».

«Il merito dei numeri di questo trimestre – spiegano gli analisti del Wall Street Journal – va sicuramente attribuito al piano di “Nadella” che ha puntato da subito sulla trasformazione di Microsoft in una cloud company. Nel 2017, il business annuale di Microsoft in ambito cloud ha superato i 20 miliardi di dollari, in anticipo sui tempi previsti. Quel numero è ora effettivamente raddoppiato».

Microsoft tra cloud e numeri record, le performance delle tre aree operative

Diventa dunque molto interessante andare nel dettaglio di questi numeri e provare a dare un occhio alle performance dei tre grandi operating groups della società

Productivity and Business Processes:

In quest’area i ricavi legati a Office sono cresciuti del 13%, i ricavi di LinkedIn sono aumentati del 25%. Gli abbonati a Office 365 versione consumer hanno raggiunto i 35,6 milioni.

Intelligent Cloud:

Le entrate dei prodotti server e dei servizi cloud sono cresciute del 30%, mentre le entrate dei servizi Enterprise sono aumentate del 7%. La parte del leone la recita ancora una volta Azure, i cui ricavi sono aumentati del 59% (notevolmente inferiori rispetto ai trimestri precedenti ma, spiegano gli analisti, un rallentamento, con la maturazione progressiva del mercato, è inevitabile).

Personal computing:

Le entrate OEM di Windows sono aumentate del 9%, mentre le entrate legate a Windows sono aumentate del 26%. I ricavi di Surface sono diminuiti del 4% e le entrate collegate a contenuti e servizi Xbox sono state stabili.

Trentacinque milioni di abbonati consumer a Office 365 sono significativi, ma naturalmente impallidiscono rispetto al mercato aziendale. Infatti, nell’ultimo trimestre, Microsoft ha superato i 200 milioni di utenti aziendali di Office 365 attivi mensilmente (rispetto ai 180 milioni registrati negli ultimi trimestri). Microsoft Office insomma continua a essere la chiave di volta della rivoluzione firmata Microsoft, il perno di una trasformazione del software in servizio in abbonamento che, giustamente, Nadella considera ampiamente un successo. Microsoft ha anche monetizzato con successo l’acquisizione di LinkedIn, che si è chiusa a dicembre 2016. La crescita a doppia cifra per LinkedIn è costante da più trimestri.

Microsoft tra cloud e numeri record, tutti i segreti il 3, 4 e 5 Dicembre a WPC 2019

Anche e soprattutto alla luce di simili performance e di un così alto livello di innovazione in arrivo sul mercato, mai come quest’anno si sta accendendo l’attesa intorno ad un evento come WPC 2019. La più importante manifestazione italiana dedicata proprio alle tecnologie Microsoft, organizzata come da tradizione da una società come Overnet Education, qui il video esclusivo che Claudio Salano, Ceo di Overnet, ha rilasciato a SergenteLorusso.it per raccontare tutte le novità della nuova edizione dell’evento. Una tre giorni, ormai diventata punto di riferimento per il mondo ICT italiano, in cui i più importanti esperti e manager di Microsoft saranno sul palco per raccontare, mostrare, testare le più dirompenti novità formate Microsoft. A questo link è comunque possibile consultare il programma in continuo aggiornamento e prenotare il proprio posto in prima fila.

 

Microsoft cloud e numeri record. «Ricavi oltre le aspettative, ecco perché le aziende scelgono le nostre nuvole» ultima modifica: 2019-11-04T11:48:02+00:00 da Marco Lorusso

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here