In principio era l’Erp (Enterprise Resource Planning), da quando Gartner nel 1990 coniò l’acronimo, sono passati quasi trent’anni e diverse generazioni di “software gestionali”. Oggi siamo all’Erp di ultima generazione, quello che IDC ha battezzato Intelligent Erp.

In verità, già nelle intenzioni originarie con l’Erp si voleva ambire a un ideale sistema informatico capace di gestire più funzioni aziendali. L’idea non era solo di fornire alla divisione amministrativa di un’azienda un software per gestire clienti e fornitori. Ci si sarebbe potuti spingere oltre, puntando alla gestione di diversi comparti aziendali, in primis la produzione, con un’integrazione modulare.

Negli anni, però, i limiti dello sviluppo, le risorse hardware e i budget risicati delle aziende clienti hanno frenato la diffusione completa dell’Erp in tutta l’azienda. Solo le grandi multinazionali hanno beneficiato di questa visione onnicomprensiva, da sempre predicata da Sap e successivamente abbracciata da altri big come Microsoft.

Erp di ultima generazione

L’Erp di ultima generazione è la realizzazione di un sogno

Oggi sono cambiate tante cose. Intanto, i nuovi paradigma dello sviluppo del software permetto di contare su piattaforme più snelle, abbandonando il pachidermico e atavico approccio modulare. Inoltre, sono migliorate le risorse di elaborazione e, soprattutto, è cambiato il mercato. Insomma, un’azienda che punta alla competitività non può prescindere da un Erp di ultima generazione, le soluzioni ci sono e arrivano da vendor come Sap.

Evidentemente l’avvento del Cloud ha liberato maggiori risorse di elaborazione a costi ridotti e accessibili anche per le Piccole Medie Imprese. E, soprattutto, il cambio di paradigma, ora focalizzato sui dati, consente alle aziende di ottenere molto di più da un Erp. Al punto che un Erp di ultima generazione, o un Intelligent Erp, può considerarsi a buon diritto il perno da cui sviluppare un percorso di Digital Transformation.

Advertisements
ChannelWatch 2019

Leggi anche: Erp Cloud, 5 motivi per cui dovresti ripensare i tuo gestionale

Il nuovo approccio mette da parte il modello tradizionale basato su silos informativi indipendenti e punta a un modello integrato, in cui gli stessi dati servono diverse funzioni aziendali. I dati raccolti dall’Erp si correlano e si elaborano insieme a quelli provenienti da altre fonti applicative.

Tutte le informazioni possibili relative a un cliente o a un fornitore concorrono a definire un’entità unica da cui attinge in tempo reale la produzione, il Customer Relationship Management e, perché no, anche le Risorse Umane e il Finance di un’azienda. Ognuno di questi comparti, grazie agli Erp di ultima generazione, lavora in maniera integrata a un unico scopo: la generazione del business aziendale.

Il ruolo dell’Intelligenza Artificiale nei nuovi Erp

L’avvento, poi, degli algoritmi di Intelligenza Artificiale, in particolare di machine learning, solleva le risorse aziendali dall’operatività e determina una visione predittiva. Ciò significa che le informazioni generate dagli applicativi abilitano in tempo reale alla generazione del business.

In particolare, attraverso dashboard specifiche, non solo è possibile monitorare in tempo reale il flusso di fatturazione e, così, adeguare la produzione e la logistica, ma è possibile configurare o adattare nuove strategie in tempi brevi.

È evidente, inoltre, che il raggiungimento di un’integrazione dell’Erp con i sistemi di Supply Chain impatta fortemente anche sull’eventuale visione Industry 4.0 che potrebbe abbracciare un’azienda del manifatturiero.

In conclusione, un’eventuale transizione verso un Erp di nuova generazione non può essere affrontata in autonomia. Proprio per evitare di stravolgere lo stato dell’arte del proprio Erp, e quindi salvare il possibile del proprio investimento, è fondamentale definire un progetto consulenziale e di servizio. Contrariamente all’approccio “old style”, infatti, è preferibile affidarsi a un partner It specializzato che, con un adeguato assessment, individui il servizio più opportuno.

Si dovrà, poi, circoscrivere la struttura applicativa preesistente e definire un percorso di transizione verso un modello IaaS, PaaS o SaaS opportuno basato su Cloud. Sarà, poi, necessario trasferire i dati dagli applicativi sulla nuova architettura, integrarne le fonti e attivare gli algoritmi di AI e le dashboard di gestione. Le modalità di esecuzione di un progetto di questo tipo non si risolvono certo nelle due righe precedenti ma, in linea del tutto generale, l’approccio è quello esposto.

Tra gli amici di Sergentelorusso.it, GPA Group vanta una notevole esperienza nella realizzazione di progetti basati su Erp di ultima generazione. In particolare, GPA, in qualità di Sap Gold Partner, implementa e personalizza per i propri clienti le migliori piattaforme di Intelligent Erp disponibili sul mercato.

Erp di ultima generazione: cos’è e perché dovresti adottarlo ultima modifica: 2019-07-23T08:06:17+00:00 da Valerio Mariani

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here