FinOps è una disciplina e pratica culturale che riguarda la gestione finanziaria del cloud. Di fatto che consente alle organizzazioni di ottenere il massimo valore aziendale aiutando i team di progettazione, finanza, tecnologia e business a collaborare su decisioni di spesa basate sui dati. 

Detto in parole più semplici è una disciplina che, attraverso i dati, permette alle aziende di avere maggiore controllo e misurazione dei ritorni delle spese e degli investimenti fatti in ottica cloud.

Una rivoluzione vera, necessaria, contemporanea che ha direttamente a che fare con la corsa verso, manco a dirlo, il cloud. Una corsa inevitabile e violenta in cui tutte le aziende sono impegnate e che, in quanto tale, spesso non ha dato il tempo alle stesse aziende di sviluppare adeguati modelli di gestione e controllo. 

[operaLogica, eccellenza italiana dello sviluppo software, il prossimo 25 ottobre nel cuore della Microsoft House di Milano ti aspetta per centrare l’obiettivo della trasformazione digitale con FinOps e l’ottimizzazione del flusso dei dati di BePeople IT Financial Management.

L’evento pensato in collaborazione con BTO Research, azienda di consulenza specializzata in Digital Reinvention, è dedicato alla presentazione di uno strumento concreto in grado di risolvere la complicata gestione dei costi cloud così come l’ottimizzazione dei costi finance

Ti aspettiamo il 25 ottobre in Microsoft, qui tutti i dettagli per partecipare]

FinOps cos’è

Di fatto dunque FinOps è il modo in cui i team gestiscono i costi del cloud. 

FinOps è infatti una “crasi” di “Finance” e “DevOps”. Altri nomi per la pratica includono “Gestione finanziaria del cloud”, “Ingegneria finanziaria del cloud”, “Gestione dei costi del cloud”, “Ottimizzazione del cloud” o “Ottimizzazione finanziaria del cloud”. A volte viene erroneamente definito “Operazioni finanziarie cloud”, ma quel termine sta perdendo consensi a causa della sua ambiguità con il ruolo più tradizionale “Operazioni finanziarie” che esiste in Finance.

Indipendentemente dal nome, FinOps è comunque la pratica di apportare un cambiamento culturale alla responsabilità finanziaria nel modello di spesa variabile del cloud, consentendo ai team di progettazione e business distribuiti di mediare tra velocità, costi e qualità nell’architettura cloud e nelle decisioni di investimento. 

FinOps come funziona e che vantaggi offre

La spesa per il cloud può determinare maggiori entrate, segnalare la crescita della base clienti, consentire una maggiore velocità di rilascio di prodotti e funzionalità o persino aiutare a chiudere un data center. FinOps, garantendo maggiroe controllo su costi e investimenti in cloud, consente ai team di ingegneri di fornire funzionalità, app e migrazioni migliori più velocemente e, allo stesso tempo, consente una conversazione interfunzionale su dove investire e quando. «A volte un’azienda deciderà di stringere la cinghia – spiegano da IDC -; a volte deciderà di investire di più. Ma ora, grazie a FinOps, i team sanno perché stanno prendendo quelle decisioni». 

Modello di maturità FinOps 

La pratica di FinOps è intrinsecamente reiterativa e la maturità di un dato processo, attività funzionale, capacità o gestione migliorerà con la ripetizione. In genere un’organizzazione della fase di “scansione” è altamente reattiva e focalizzata sull’affrontare i problemi dopo che si sono verificati, mentre una pratica della fase di esecuzione tiene conto in modo proattivo dei costi nelle scelte di progettazione dell’architettura e nei processi di progettazione in corso. In generale però, secondo i maggiori esperti di mercato, sono tre le fasi d’implementazione del modello FinOps: Informare, rendere dunque ogni team consapevole dei costi; Ottimizzare, ovvero gestire al meglio le risorse cloud evitando sprechi e Operare, cioè ripetere, migliorare, integrare le pratiche FinOps ogni giorno in azienda in ogni ambito.

FinOps e la soluzione BePeople IT Financial Management. Appuntamento il 25 ottobre

Nel cuore della rivoluzione FinOps arriva BePeople – IT Financial Management e FinOps un esclusivo evento che il prossimo 25 ottobre racconterà alle imprese italiane tutto, ma proprio tutto quello che serve sapere e fare per gestire in maniera efficace i costi del cloud (qui tutti i dettagli per partecipare). A pensare e progettare l’evento un’eccellenza tutta italiana dello sviluppo software come operaLogica, BTO Research, azienda di consulenza specializzata in Digital Reinvention e Microsoft che, nella sua lussuosa Microsoft House di Milano ospiterà l’appuntamento del prossimo 25 ottobre.

Per la cronaca BePeople è la Digital Intelligence Platform, realizzata prorio da operaLogica, che ottimizza il flusso dei dati mettendo al centro l’esperienza delle persone grazie all’Intelligenza Artificiale

«Mettersi in gioco nel processo di accelerazione tecnologicaspiegano gli organizzatori – richiede strategie agili e visione complessiva del dato da parte dei CIO e del reparto IT e di un dialogo concreto con i CFO e il reparto Finance aziendale. L’obiettivo delle imprese è un management più coinvolto e capace di affrontare un processo di trasformazione digitale imprevedibilmente sfidante. 

Ma come creare una cultura della responsabilità basata sull’utilizzo del cloud? Come sviluppare una strategia efficace a guidare un processo di accelerazione tecnologica all’interno dell’azienda? Come orientare il Management nel prendere decisioni efficienti e tempestive basate sull’utilizzo dei dati?

Durante l’incontro si cercherà di rispondere a queste e a molte altre domande inerenti il tema della Digital Transformation».

Ti aspettiamo il 25 ottobre in Microsoft, qui tutti i dettagli per partecipare

FinOps cos’è, perché è importante per ottimizzare i costi del cloud. La soluzione BePeople IT Financial Management ultima modifica: 2022-10-19T09:04:58+02:00 da Marco Lorusso

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here