Solution provider: una formula sempre più ricercata nell’IT, in un momento in cui tante altre parole nuove si stanno imponendo nel mercato, come cloud, software as a service, modelli ad abbonamento e così via.

Ma che cosa sono esattamente gli IT solution provider? Perché sono così richiesti dalle aziende, specialmente in questo momento? Prima di dare una definizione è opportuno fare un passo indietro, ricordando come per tantissimi anni la formula del canale IT è rimasta più o meno sempre la stessa.

Da un lato i vendor, nel mezzo i distributori e dall’altro lato i reseller/rivenditori. Che, quando erano un po’ più esperti e numericamente consistenti degli altri erano chiamati system integrator. Ma il compito rimaneva fondamentalmente lo stesso: vendita di un prodotto IT e assistenza successiva in caso di problemi e disservizi.

Chi sono i Solution Provider

Questo scenario è stato rivoluzionato dalle grandi innovazioni tecnologiche degli ultimi tempi, in particolare dall’avvento del Cloud, che ha imposto agli operatori del canale di cambiare il proprio ruolo sul mercato, anche per evitare ogni rischio di disintermediazione, investendo sulla qualità delle proprie competenze e su un diverso modello di business e di relazione con il cliente finale.

Un modello che, per gli operatori IT più evoluti, risponde al nome di Solution Provider: definizione di Tech Target alla mano, si tratta di un fornitore di servizi o un rivenditore a valore aggiunto (VAR) che gestisce in modo completo le esigenze di progetto del proprio cliente, dall’ideazione all’installazione finale, assicurando il necessario supporto.
Questo processo, normalmente, prevede lo studio della presente infrastruttura del cliente, la valutazione delle sue esigenze, l’individuazione del mix di hardware e software per raggiungere gli obiettivi del progetto, l’installazione dell’hardware e del software presso la sede del cliente. In molti casi, la “soluzione” include anche il servizio e il supporto continui.

L’esperienza di Proge-Software

Una formula, quella dei solution provider, che è seguita dal 1985 a questa parte da Proge-Software, che realizza progetti ad alto contenuto tecnologico, per le grandi e medie imprese, fornendo tutte le attività necessarie al disegno, sviluppo e manutenzione del sistema informativo aziendale: dalla progettazione di architetture IT alla gestione di infrastrutture IT complesse, dalla realizzazione di sistemi software personalizzati all’implementazione di soluzioni mobile, dalla realizzazione di infrastrutture applicative e basi dati al disegno di scenari Cloud, fino alla realizzazione di portali di collaborazione.

Solution provider

La distinzione tra Solution Provider e Service Provider

Particolarmente importante è la distinzione tra Solution Provider e Service Provider: piuttosto che adottare un approccio personalizzato, il service provider tende a offrire un pacchetto di prodotti chiavi in mano, spesso erogati via cloud, con una configurazione e una personalizzazione minima e limitata.
In altre parole, un Solution Provider non si limita soltanto a fornire i prodotti/ soluzioni richiesti dal cliente finale, piuttosto aiuta le aziende a identificare problemi e obiettivi, suggerendo le migliori strade possibili per arrivare al miglior risultato finale. Insomma, gli obiettivi aziendali vengono sempre prima delle soluzioni da impiegare, che possono essere valutate e individuate in un secondo momento.

Il vantaggio di questo peculiare approccio è naturalmente quello di garantire un maggiore valore per il cliente finale, che non è costretto ad adattarsi a soluzioni precostituiste ma può beneficiare di un trattamento ad hoc.
Per l’azienda utente, questo migliore trattamento può tradursi in servizi migliori offerti ai propri dipendenti e clienti finali, nonché in un’ottimizzazione dei costi. Un vantaggio non da poco, considerato che le imprese sono spesso immerse in mercati estremamente verticali e specifici, caratterizzati da esigenze particolari, che devono essere adeguatamente servite anche da un punto di vista della progettazione delle soluzioni IT.

I Cloud Solution Provider

Molto spesso, la strada dei solution provider, da un punto di vista tecnologico, passa per il cloud. Che, inutile ripeterlo, è ormai diventato un trend di massa, raggiungendo durante la pandemia un vero e proprio boom.

Ecco perché, sempre più spesso, i Solution provider sono in realtà dei Cloud Solution Provider (CSP), che forniscono capacità di rete, infrastruttura e applicazioni nel cloud. Questo, in estrema sintesi, significa che i servizi/soluzioni sono ospitati in data center esterni al perimetro aziendale e che diventano accessibili da qualsiasi dispositivo tramite Internet.

A seconda del servizio offerto si distingue tra Software as a Service (SaaS), Platform as a Service (PaaS) e Infrastruttura come servizio (IaaS). Il vantaggio principale del cloud, come noto, è quello di evitare alle imprese continui acquisti di hardware, usufruendo dei servizi allestiti dai CSP, pagando in base all’effettivo uso, ottenendo anche la necessaria flessibilità e scalabilità. Il ruolo dei Cloud Solution Provider è quello di allestire la progettazione dei servizi Cloud, assicurando un’ampia gamma di servizi e supporto, quali ad esempio il supporto tecnico e la fatturazione.

I benefici dei Solution Provider

Quali sono quindi i vantaggi e i benefici relativi alla scelta di un Solution Provider?

Innanzitutto, le aziende possono sempre fare affidamento sui vendor e fornitori tecnologici più adatti alle proprie specifiche esigenze, potendo contare anche su operatori non rigidamente monovendor, pronti a consigliare ogni soluzione in relazione alle necessità di ogni progetto.
Allo stesso tempo, per le molteplici esigenze informatiche che possono sorgere nella normale operatività aziendale, diventa possibile ottenere un unico punto di contatto, evitando così complicazioni sorta e anzi garantendosi una consulenza di fiducia, che non si esaurisce certo nella vendita del prodotto/soluzione. Considerato che, come abbiamo scritto in precedenza, i solution provider mettono in campo come minimo servizi di supporto e assistenza, mettendo spesso sul piatto anche operatori dedicati e qualificati, in grado dunque di seguire anche progetti complessi.

Ma quali sono i benefici per quegli operatori che decidono di avviare un percorso come Solution Provider? Come abbiamo scritto in precedenza, il mercato è profondamente cambiato e i piccoli operatori – che magari non possiedono la capacità di assistere e indirizzare al meglio i propri clienti – rischiano di essere dimenticati. Al contrario, la capacità di offrire e gestire soluzioni a valore aggiunto rappresenta senz’altro un vantaggio che permette di distinguersi sul mercato e attrarre nuovi e potenziali clienti. Consentendo anche a questi partner di affrancarsi da una eccessiva dipendenza – che può anche rivelarsi pericolosa sul lungo termine – rispetto a un determinato vendor.

 

 

 

Solution Provider chi sono e perché oggi tutti li cercano sul mercato ultima modifica: 2021-06-16T10:00:12+00:00 da Sara Comi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here