Avere un’idea dei linguaggi di programmazione, ovvero i più popolari nell’anno appena trascorso, ha una duplice utilità. Da un lato ci permette di capire come evolve la programmazione, individuando i trend del 2024. Dall’altro può essere un ottimo indicatore per chi intende scegliere la professione del programmatore.

Di sviluppatori c’è sempre più bisogno, ma l’ambito è immenso, meglio capire quale sia la nicchia su cui conviene lavorare per avere più opportunità. E anche chi è già un programmatore può capire dove indirizzare meglio la propria specializzazione.

Che i linguaggi di programmazione siano la base fondamentale della tecnologia è risaputo. Con i linguaggi di programmazione si scrivono programmi, web services e firmware: tutto ciò che fa funzionare hardware, reti e dispositivi IoT.

Metodi dei linguaggi di programmazione moderni

Inoltre, è vero che programmare oggi non è minimamente paragonabile al programmare di un tempo. Oggi le console di sviluppo agevolano notevolmente il lavoro del programmatore, che è soprattutto un realizzatore di progetti software. Oggi si programma a oggetti ed è lontano il tempo della scrittura di codice riga per riga. Inoltre, oggi si programma in modalità DevOps, un modello nuovo ma sempre più diffuso e da comprendere.

Ma la profonda conoscenza della sintassi dei linguaggi di programmazione è ancora molto utile. Perché molto del codice ancora in uso nelle infrastrutture informatiche è obsoleto e realizzato alla vecchia maniera. Ed essere in grado di spulciare il codice riga per riga alla ricerca di bug di sicurezza, per esempio, è attività ancora molto richiesta.

La classifica dei linguaggi di programmazione

Non esiste una risposta definitiva alla domanda: quali sono i linguaggi di programmazione più diffusi. Questo perché fonti diverse utilizzano criteri e metodi diversi per classificare la popolarità dei linguaggi di programmazione. Tuttavia, alcuni indicatori comuni sono il numero di sviluppatori che utilizzano un certo linguaggio, il numero di progetti basati su un certo linguaggio, i sondaggi tra sviluppatori e la domanda di mercato.

Sulla base di diverse fonti scopriamo che JavaScript rimane spesso in testa tra i linguaggi più diffusi. Lo sostiene, per esempio, la Stack Overflow Developer Survey 2023, per cui il 69,7% degli intervistati dichiara di utilizzarlo. JavaScript è anche il linguaggio più comune su GitHub, con oltre 14 milioni di repository che lo citano. JavaScript è una delle tecnologie principali alla base dei servizi web, consentendo la realizzazione di pagine web e applicazioni dinamiche e interattive. Inoltre, è utilizzato per lo sviluppo lato server con framework come Node.js e Next.js.

Sempre secondo la Stack Overflow Developer Survey 2023, Python è il secondo linguaggio più utilizzato, con il 51,8% degli intervistati che dichiara di utilizzarlo. Python risulta anche il secondo linguaggio più comune su GitHub, con oltre 9 milioni di repository. Python è un linguaggio versatile e facile da usare, diffuso per una varietà di scopi, come lo sviluppo web, l’analisi dei dati, il machine learning, l’automazione. Ed ha un ricco set di librerie e framework, come Django, Flask, NumPy, pandas, scikit-learn, TensorFlow e PyTorch.

Al terzo posto della Stack Overflow Developer Survey 2023 si posiziona l’intramontabile Java. Il 41,1% degli intervistati dichiara di utilizzarlo, ed è anche il quarto linguaggio più comune su GitHub, con oltre 6 milioni di repository. Java è un linguaggio potente e maturo ampiamente utilizzato per lo sviluppo lato server e aziendale. Viene eseguito sulla Java Virtual Machine (JVM), che consente la compatibilità multipiattaforma e l’ottimizzazione delle prestazioni. Ha anche una comunità ampia e attiva e un vasto ecosistema di strumenti e framework, come Spring Boot, Hibernate, Maven e Gradle.

Scorrendo la classifica generata dalla Stack Overflow Developer Survey 2023 giungiamo all’HTML/CSS. Non si tratta tecnicamente di un linguaggio di programmazione, ma dei cosiddetti linguaggi di markup che definiscono la struttura e lo stile delle pagine web.

Conoscerli, tuttavia, è comunque essenziale per qualsiasi sviluppatore web, ed è per questo che sono inclusi nei sondaggi e nelle classifiche. Secondo la survey, il 62,5% degli intervistati ha dichiarato di utilizzare HTML/CSS. Che è ampiamente utilizzato anche su GitHub, con oltre 8 milioni di repository.

Poi c’è SQL, un linguaggio specifico utilizzato per impostare ed eseguire query sui dati archiviati nei database relazionali. La conoscenza di SQL è fondamentale per qualsiasi data analyst o data scientist, e per molti sviluppatori web che interagiscono con i database. Secondo lo Stack Overflow Developer Survey 2023, il 53,4% degli intervistati ha dichiarato di utilizzare SQL. Ed è utilizzato in oltre 4 milioni di repository su GitHub.

Ancora, TypeScript, un superset di JavaScript che introduce la “tipizzazione statica” e altre funzionalità che migliorano l’affidabilità e la manutenibilità del codice JavaScript. È sempre più popolare tra gli sviluppatori web che utilizzano framework come React, Angular o Vue.js. Secondo lo Stack Overflow Developer Survey 2023, il 34% degli intervistati ha dichiarato di utilizzare TypeScript. Ed è anche il terzo linguaggio più comune su GitHub, con oltre 7 milioni di repository che lo utilizzano.

C# è il ben noto linguaggio a oggetti sviluppato da Microsoft come parte di .NET Framework. Viene usato principalmente per lo sviluppo Web (con ASP.NET), lo sviluppo desktop (con Windows Form o WPF), lo sviluppo per dispositivi mobili (con Xamarin) e lo sviluppo di giochi (con Unity). Secondo lo Stack Overflow Developer Survey 2023, il 31% degli intervistati ha dichiarato di utilizzare C#. E viene utilizzato in oltre 3 milioni di repository su GitHub.

Infine, la Stack Overflow Developer Survey 2023 cita C/C++. Un linguaggio di basso livello che offre prestazioni elevate e accesso diretto alle risorse hardware. È ampiamente utilizzato per la programmazione di sistemi, la programmazione embedded, i sistemi operativi, i compilatori, le librerie e le applicazioni che richiedono velocità ed efficienza. Secondo lo Stack Overflow Developer Survey 2023, il 20,5% degli intervistati ha dichiarato di utilizzare C/C++, ed è anche usato in oltre 5 milioni di repository su GitHub.

Altri linguaggi di programmazione popolari nel 2023 sono R (per il calcolo statistico), PHP (per lo sviluppo web), Swift (per lo sviluppo iOS), Kotlin (per lo sviluppo Android), Ruby (per lo sviluppo web) e Go (per sistemi concorrenti e distribuiti).

La classifica secondo il Tiobe Index

Un’altra fonte che abbiamo utilizzato spesso nelle nostre classifiche dei linguaggi di programmazione più utilizzati è il Tiobe Index. La classifica viene compilata considerando la diffusione e la popolarità dei linguaggi di programmazione sui principali motori di ricerca. Anche se Tiobe tiene conto anche di altri parametri.

L’indice Tiobe Programming Community è un indicatore della popolarità dei linguaggi di programmazione. Le valutazioni si basano sul numero di certificazioni in tutto il mondo, sui corsi e sui fornitori di terze parti. Per calcolare le valutazioni vengono utilizzati i motori di ricerca più diffusi come Google, Bing, Yahoo!, Wikipedia, Amazon, YouTube e Baidu.

Attenzione, dunque, questa metodologia dimostra alcuni limiti. Ma, in ogni caso, facendo una tara tra le due fonti, si nota che i risultati collimano. Infatti, troviamo Python al primo posto, seguito da C, da C++ e da Java. C# è al quinto posto, JavaScript al sesto e SQL al nono.

Per la prima volta nella storia dell’indice Tiobe, C# è il linguaggio di programmazione dell’anno. Ciò non significa che sia il più diffuso, ma solo che è il linguaggio che ha registrato la crescita maggiore anno su anno. C# è stato tra i primi 10 player per più di vent’anni e ora si posiziona tra i 4 linguaggi principali, con un incremento del +1,43%. Al secondo posto, sempre per crescita, ci sono Scratch (+0,83%) e Fortran (+0,64%).

C# sta erodendo quote di mercato a Java e sta diventando sempre più popolare nel back-end di applicazioni web e nei giochi (grazie a Unity). C# può essere utilizzato gratuitamente e si evolve a un ritmo costante.

Scorrendo l’indice Tiobe, Fortran e Kotlin hanno sostituito R e Perl. Fortran è molto adatto, dispone di molte librerie e rimane uno dei in ambito universitario. Kotlin, invece, è il concorrente di Java più facile da imparare. Quali linguaggi entreranno nella top 20 dell’indice Tiobe nel 2024? Domanda difficile a cui rispondere. Julia si era affacciata all’indice Tiobe nel 2023, ma non è riuscita a mantenere quella posizione. Si potrebbe puntare su Dart (con Flutter) e TypeScript.

I linguaggi di programmazione più diffusi: la classifica 2024 ultima modifica: 2024-01-09T12:33:19+01:00 da Valerio Mariani

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui